Archivi tag: TG

Anonimato protetto, Privacy e la Direttiva europea CE 2006/24

reggio-nel-web

La settimana scorsa l’On. Motti è intervenuto su Reggio nel Web parlando del Caso Google (condanna dei tre dirigenti Google Italia vs Vividown) e dichiarando: “No alla censura, sì all’anonimato protetto“. Oggi ho risposto dicendo la mia opinione riguardo la Direttiva europea CE 2006/24 e l’anonimato protetto.

Internet Manifesto

internet-manifest

In questi giorni sale l’attenzione verso l’Internet Manifesto scritto da alcuni blogger tedeschi su come dovrebbe essere il giornalismo oggi, nell’epoca di Internet. L’epoca in cui, come sottolinea il manifesto stesso con un bel gioco di parole, “Internet è la nostra società è Internet“.

E’ stato tradotto in molte lingue, compresa l’italiano, e si appresta a diventare oggetto di scambio di opinioni in tutto il mondo. Tutto è opinabile ma il Manifesto si presenta estremamente accurato e concreto.
Si compone di ben 17 punti:

  1. Internet è diverso
  2. Internet è un impero mediatico tascabile
  3. Internet è la nostra società è Internet
  4. La libertà di internet è inviolabile
  5. Internet è la vittoria dell’informazione
  6. Internet migliora il giornalismo
  7. La Rete richiede networking
  8. I link riportano, le citazioni decorano
  9. Internet è il nuovo luogo del dibattito politico
  10. Oggi libertà di stampa significa libertà di opinione
  11. Più e più – non c’è mai troppa informazione
  12. La tradizione non è un modello di business
  13. Il diritto d’autore diviene un dovere civico in Rete
  14. Internet ha molte monete
  15. Ciò che è in Internet resta in Internet
  16. La qualità rimane la qualità più importante
  17. Tutto per tutto

Mi sono piaciuti i “toni” utilizzati, del resto come far passare un concetto quale “I media devono adattare il proprio modo di lavorare all’attuale contesto tecnologico anziché ignorarlo o contestarlo” ad alcuni giornalisti che ignorano (o criminalizzano) internet.

Il manifesto rafforza alcuni concetti importanti su cui si discute da anni, come “La libertà di Internet è inviolabile. Su questo in Italia dobbiamo fare ancora molta strada, questa libertà infatti è spesso oggetto di tentativi di imbrigliatura.

Ciò che ho trovato maggiormente interessante però è il modo in cui vengono affrontati alcuni aspetti del giornalismo puro. Un concetto semplice ma che spesso fatico a far passare, ad esempio, è che Internet migliora il giornalismo.

Attraverso Internet il giornalismo può svolgere appieno il proprio ruolo socio-educativo in modo nuovo. Ciò ricomprende la diffusione delle informazioni come un processo continuo in movimento permanente; la fine dell’inalterabilità dei giornali rappresenta un vantaggio. Coloro che vogliono sopravvivere in questo nuovo mondo dell’informazione hanno bisogno di un nuovo idealismo, di nuove idee giornalistiche e di amare l’esplorazione di questo nuovo potenziale.”

Un’altro aspetto a cui spesso non viene dato peso è che la verità in rete viene sempre a galla. Per molte persone quest’affermazione ancora non è credibile. Per chi invece conosce la rete e le sue dinamiche lo è eccome. E’ chiaro che bisogna avere ben presente il funzionamento di certi siti di riferimento (Wikipedia piuttosto che YouTube, Google e altri motori di ricerca, ecc.), la capacità della blogosfere e tutti quei processi che contribuiscono a mettere in luce eventuali “fake”. A tal proposito l’ultimo punto è spettacolare:

Il web costituisce un’infrastruttura per la condivisione sociale superiore ai mass media del 20° secolo: in caso di dubbio, la “generazione wikipedia” è capace di accertare la credibilità di una fonte, di risalire da un’informazione alla sua fonte originaria, ricercarla, verificarla e di migliorarla che si tratti di un individuo o di un gruppo. I giornalisti che snobbano questo approccio e mostrano disprezzo per queste competenze non sono presi sul serio dagli utenti della Rete. E giustamente. Internet permette di comunicare direttamente con delle persone – lettori, ascoltatori e spettatori – e di avvantaggiarsi della loro conoscenza. Non abbiamo bisogno di giornalisti che sanno già tutto ma di giornalisti che investigano e comunicano.

Online il sito del Comitato a sostegno di Carlo Pedemonte (Genova)

Era da tempo che suggerivo a Carlo Pedemonte, responsabile del Sistema Informativo dell’Ospedale Sampierdarena “Villa Scassi” (Genova) dal 1990, di “aumentare” la sua visiblità online e, soprattutto, di mettere a disposizione della rete tutto il materiale necessario. Oggi mi ha scritto segnalandomi che, finalmente, il “Comitato a sostegno di Carlo Pedemonte“, nato ad Aprile 2009, ha pubblicato online il sito ufficiale.

Il “Comitato a sostegno di Carlo Pedemonte per la difesa della legalità e contro gli sprechi nella sanità pubblica ligure” nasce ufficialmente il 20 aprile 2009, costituito da cittadini genovesi che da tempo stanno seguendo approfonditamente le vicende che ruotano attorno al dirigente informatico della ASL 3 di Genova.
Il Comitato si prefigge quindi di appoggiare e sostenere l’impegno di Carlo Pedemonte e informare i cittadini riguardo alla gestione dell’informatica sanitaria ligure e riguardo all’evolversi della vicenda (esposti, inchieste giudiziarie, atti della Pubblica Amministrazione).

Bravo Carlo!
Come ti dicevo è importante che tu sia visibile, il resto lo farà la rete. E’ molto potente e non perdona.
Avanti così!

TeleReggio parla di crisi, per il TG1 è tutto ok!

Telereggio - La crisi non si attenua

Immagino un reggiano poco interessato alla realtà locale ma abbastanza attento alle problematiche nazionali. Immagino che questo cittadino, per informarsi, guardi un TG e utilizzi poco o quasi niente la rete.

Immagino questo reggiano accendere la TV verso le 20.30 per seguire qualche notizia, magari sul TG1, il quale stasera ha aperto con: “Berlusconi: crisi, il peggio e’ passato“.  Il buon reggiano ascolta gli altri titoli, poca roba. Resta in attesa di quel primo servizio per ascoltare le parole del Premier:

“Noi dobbiamo essere consapevoli che ormai la crisi si è sfogata, per il sistema finanziario. Che chi doveva fallire è fallito. Che le diminuzioni dei titoli di borsa sono accadute, chi ha perso lì ha perso, chi invece li aveva, questi titoli come investimento, li ha chiusi  nel cassetto e li tiene lì aspettando che ci sia una ripresa, che ci sarà di sicuro.”

Spero che quel reggiano abbia dato uno sguardo anche a Telereggio, spero che sia venuto a conoscenza di una realtà ben diversa, una realtà a lui vicina: Reggio Emilia attraversa un periodo di grande crisi. Basta un’analisi dei dati della Camera di Commercio e degli Industriali di Reggio Emilia per accorgersene. Telereggio infatti apre con “La crisi non si attenua“. Secondo i sindacati, i cassintegrati in provincia di Reggio Emilia si aggirano oggi intorno ai 30.000.

Internet, l’altro mondo…

Parole sacrosante quelle di Luca Spinelli in questo splendido articolo.

Parole che meriterebbero di essere diffuse a reti unificate in televisione. Siamo stanchi infatti di un TG che spamma i suoi link e che ormai non ha più nulla a che vedere con l’informazione. Anche se sono spacciati (e se ne stanno accorgendo!) la loro estinzione è ancora lontana, purtroppo!