Archivi tag: gmail backup

Gmail Imap RFC822.SIZE fail (zero)

Gmail_logo.png

I’m working on my BackUp Gmail App for OSX and I got a very strange issue.

This is the Imap transaction on Gmail server:


>> TAG02 UID FETCH 77480:77490 (UID RFC822.SIZE RFC822 X-GM-MSGID)


<< * 22136 FETCH (X-GM-MSGID 1384367682512034576 UID 77480 RFC822.SIZE 0 RFC822 {11012}
Delivered-To: *****@gmail.com
....
....
....
)
TAG21 OK Success

Look at the RFC822.SIZE, it’s 0 (zero)!
But it isn’t really zero because then it starts the RFC822, and it’s complete (11012 bytes).

When I create the backups I got it always at the same time, all the emails after Nov 2011 until Feb 2012 have this issue.
Maybe Gmail had problems in this period?
Anybody knows it?

Updated on 30 May 2013

I posted this issue on the Imap-protocol mailing list and today I received a reply from Jamie Nicolson (Google).
As you can read in this reply it is a temporary Gmail bug: “it affected messages during a certain timeframe in the past … We’re hoping to clean this up”.

 

 

Backup di Google Documenti (e quasi tutto il resto)

 

 

Google dimostra costantemente che il suo core business non è basato sui dati generati dagli utenti (come invece fa Facebook), il loro unico interesse è quello di tenere ben incollati gli utenti ai propri servizi (per poi dargli in pasto la pubblicità, certo). Per quanto mi riguarda però questo è un punto a loro favore nonostante si diventi target della pubblicità mirata.

A dimostrazione di quanto sopra è bene sapere che esiste il Data Liberation Front, un team di ingegneri, creato dall’azienda stessa, che si occupa da tempo di rendere possibile l’esportazione di tutti i nostri dati presenti nei vari servizi di Google (email, documenti, foto, ecc.). Sul sito trovate una spiegazione dettagliata per ogni servizio.

L’ultima novità del team è Google Takeout, un servizio di esportazione dati da diversi servizi Google.
I dati esportabili tramite Takeout, ad oggi, sono:

Vediamo ora come esportare i nostri dati.
Dopo esservi loggati sull’account Google andate sulla pagina di Google Takeout. La schermata che vi appare dovrebbe essere simile a questa qui sopra.
Cliccando in alto su “Scegli i servizi” potete selezionare i servizi da cui esportare dati (di default li esportate tutti). Ogni servizio richiede un minimo di configurazione, ad esempio per i Documenti dovrete selezionare il formato dei file esportati (ad esempio i documenti in formato Word piuttosto che Open Document, le presentazioni in PDF, i fogli di calcolo in formato Excel o altro, ecc.).

Quando siete pronti per effettuare l’esportazione cliccate Download.
La pagina si presenta in questo modo:

Vedrete una barra di caricamento che avanza, Takeout sta creando un backup (sotto forma di cartelle e files) dei vostri dati (documenti, foto, ecc.). Al suo termine appare la scritta “completato” in verde il pulsante Download da cui scaricare un unico file in formato .zip.
Ho appena effettuato il backup dei miei documenti e devo ammettere che, nonostante ormai il cloud abbia i suoi immensi vantaggi, avere una copia in locale dei documenti degli ultimi 3 anni e passa non può che tranquillizzarmi!

Come avrete notato però non è possibile esportare i dati di Gmail. Se siete su piattaforma Mac OSX la soluzione per voi è BackUp Gmail, un’app semplice e leggera che creerà per voi un backup in locale dell’intero account Gmail!

 

 

Leggere più account di posta su Gmail

Gmail ormai mette a disposizione oltre 7,5 Gb di spazio. E’ una risorsa enorme che permette di centralizzare gli account di posta in uno. Al momento infatti trovo ottima la soluzione di far scaricare la posta di tutti i miei account a Gmail. I passi da eseguire sono semplici.

Andate in Impostazioni Gmail:

Nella schermata che vi appare cliccate nel tab in alto Account e importazione.
Poi avviate la procedura di configurazione di un nuovo account cliccando su Aggiungi un tuo account di posta POP3. Potete configurare fino a 5 account. Gmail periodicamente scaricherà la posta da tutti gli account configurati consegnandovela in “Posta in arrivo”.

Seguite tutti i passaggi richiesti dalla procedura che si apre in una finestra pop-up:

Impostate Nome utente, Password, Server POP, Porta e spuntate “Applica ai messaggi in arrivo l’etichetta” se volete che i vari messaggi provenienti dai diversi account vengano classificati in base ad etichette predefinite:

Cliccando su “Aggiungi account” la procedura di configurazione viene completata. Gmail proverà subito ad effettuare una connessione e vi segnalerà eventuali errori:

Se tutto è andato a buon fine la procedura, prima di concludere, vi chiederà se vorrete inviare email con l’account appena configurato. In pratica vi chiede se, oltre a leggere la posta dalla nuova casella di posta appena configurata, vorrete inviare email da questo indirizzo direttamente da dentro Gmail.
“Desideri poter inviare i messaggi anche come xxxx@xxxxx.xx?”
Consiglio, per massima comodità, di cliccare SI:

A questo punto seguono 3 passaggi importanti.
Il primo riguarda quale server SMTP usare. Gmail vi chiede se usare il suo server SMTP o quello della casella di posta appena configurata. Se non avete particolari necessità vi consiglio di utilizzare Gmail stesso:

A questo punto Gmail vuole assicurarsi che siate realmente in possesso dei requisiti per leggere la casella di posta appena configurata. Vi invierà quindi un codice di verifica:

Andate a leggere la casella di posta (secondo il vostro “vecchio” modo), prelevate il codice di sicurezza che Google vi ha inviato ed inseritelo nella schermata successiva:

Dopo aver verificato il codice potete chiudere la finestra. Gmail da questo momento in poi andrà a scaricare periodicamente la posta, si connetterà ai vostri account di posta via POP3 e “raggrupperà” tutte le email nella casella “Posta in arrivo” di Gmail stesso.

A questo punto resta una sola cosa da fare per poter stare completamente tranquilli: eseguire il BackUp della casella di posta Gmail.
Per gli utenti Mac consiglio l’App BackUp Gmail!

 

 

 

BackUp Gmail su Mac OSX, una nuova App!

Tutto iniziò lo scorso 27 Febbraio quando Gmail smise di funzionare per qualche ora. Fu una giornata nera per Gmail al punto che lo 0,08% degli utenti perse completamente i propri dati: messaggi, contatti, ecc. Da allora iniziai a studiare una soluzione per ottenere un backup affidabile del mio account Gmail.

Dopo varie soluzioni “arrangiate” iniziai a studiare un’App per Mac OSX: BackUp Gmail. In questi giorni l’App è giunta al termine del suo lungo percorso: è stata pubblicata sul Mac App Store.
Scarica l’App e assicurati un backup del tuo account Gmail.

BackUp Gmail on Mac OSX, a new App!

February 27, 2011 was a Black Sunday for all Gmail users and lovers like me.  Some Gmail accounts lost everything: messages, address books, contacts, etc.  0.08% of all total users (according to Google’s official version) had problems.
After a few months I started to think to BackUp Gmail, a new App for Mac OSX, and today we moved on “Ready for sale” by Apple store and the App is available on the App Store!