Micropagamenti sul cellulare, Kenya all’avanguardia

Home Page txtEagle
[Fonte Immagine: Home page di txteagle]

In Kenya l’uso intelligente della telefonia mobile sta dimostrando al mondo intero che è possibile andare oltre l’idiozia di una nuova suoneria o del miglior sfondo da far vedere agli amici. In questo, nel nostro bel paese, ci vantiamo addirittura di essere primi in Europa!

Nathan Eagle, ricercatore del Massachussetts Institute of Technology (MIT) e fondatore di txteagle, è intervenuto alla O’Reilly Emerging Technology Conference dimostrando di fatto che il cellulare può diventare uno strumento importantissimo per lo sviluppo di un intero paese e ha dichiarato: “Il Kenya ha alcuni servizi di telefonia mobile anni avanti a ciò che noi abbiamo adesso”.

L’operatore Safaricom, con l’intenzione di agevolare le operazioni di ricarica crediti per i cellulari presenti nelle zone più sperdute del paese, aggiunse un servizio di trasferimento ricariche tra cellulari. Con un pizzico di fantasia il popolo Keniota ha iniziato ad utilizzare il sistema per scopi diversi fino a scambiarsi quotidianamente denaro attraverso i telefonini. Safaricom quindi ha strutturato il servizio in una vera e propria offerta commerciale denominata M-PESA Services. Questo ha contribuito a far decollare il “nuovo” sistema di pagamento e a dare un forte impulso all’intera economia Keniota.

I benefici  sono immensi: l’acqua, ad esempio, sta arrivando anche nelle zone più remote.

“Eagle shared another striking example of the transformative power of mobile payments during his ETech talk. Rural communities used to have to pay a lot of money upfront in order to get a modern well capable of providing clean drinking water. Now, there are companies that install these wells for free, complete with an integrated cell phone payment system. Want some water? Just pay as you go with your M-PESA account.”
[Via GIGAOM]

In altre parole. Eagle descrive un esempio lampante della potenza del nuovo sistema di pagamento. Nelle comunità rurali sono necessari grandi investimenti per portare acqua pulita e potabile ma oggi alcune compagnie stanno installando gratuitamente impianti di produzione e distribuzione dell’acqua che integrano il sistema M-PESA. Per avere l’acqua in queste zone disagiate ora basta avere un cellulare con il servizio M-PESA attivo!

La morsa degli operatori telefonici italiani si fa sempre più stretta: per noi il sistema è ancora molto caro, utilizzabile solo sul web e, soprattutto, di nicchia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *