Obama e Internet

Obama Biden Logo

Internet non è il futuro, come molti in Italia pensano, Internet è il presente.
E’ con questa glaciale affermazione che David Orban, fondatore e Amministratore Delegato di Questar nonchè appassionato di tecnologia e attento osservatore degli scenari tecnologici internazionali, inizia il suo eccellente discorso alla Camera dei deputati; nella Sala delle Colonne in una conversazione aperta al pubblico insieme a Marco Montemagno, Antonio Palmieri, Paolo Gentiloni, Enrico Menduni, Antonio Sofi e altri.

Il mondo della politica, visti i risultati ottenuti dal neo presidente Barack Obama, sta drizzando le antenne verso Internet e le sue tecnologie. Sono sempre più numerosi i politici che si avvicinano ai Social Network, che aprono Blog e siti nel tentativo di “raccogliere” voti anche attraverso la rete. Il punto è proprio questo: si pensa sempre e solo ai voti, i cittadini sono numeri e non persone con le quali scambiare “due chiacchiere”.

In Italia si ragiona ancora in maniera obsoleta, infatti si pensa che il nuovo modello Obama sia la bacchetta magica con cui catturare nuovi voti. Indubbiamente la strategia di Obama ha portato questi risultati ma è fondamentale non trascurare, e questo nel nostro paese avviene sistematicamente, tutto ciò che c’è prima di mettere in campo tali strategie.
Valori come la trasparenza e non la “privacy” (una parola che oggi piace molto, spesso utilizzata a sproposito e messa in campo quando fa comodo), come l’onestà incondizionata e non una facciata onesta e tanti scheletri negli armadi, come la condivisione delle idee e non la chiusura mentale verso nuovi orizzonti. Questi e altri sono i valori che Obama ha messo in campo, a disposizione dello staff che ha curato nei minimi dettagli la più importante campagna elettorale dei nostri tempi.
Questi valori però, e qui torniamo al fulcro del discorso, sono gli stessi su cui la rete Internet basa le sue fondamenta. Sono i requisiti minimi per poter stare in rete. Prima di poter aumentare la propria visibilità bisogna essere disposti ad accettare critiche, rispondere a domande scomode e anche subire pensieri a volte offensivi.

Su queste basi quindi, su questi principi, Obama e il suo staff hanno lavorato verso l’obiettivo comune della vittoria, raggiungendolo e scuotendo il resto del mondo. Obama iniziò la sua campagna dalla Silicon Valley e ricordo un’intervista con Eric Schmidt (AD di Google) in cui rispose ad ogni domanda, anche a quelle di difficile comprensione per i non addetti ai lavori. Lo stesso è avvenuto online su siti e blog durante tutta la durata della campagna elettorale (ovviamente non rispondeva di persona ma il canale della comunicazione non veniva mai interrotto). Internamente al suo sito è nato un Social network (My Barack Obama) dove ogni elettore, previa registrazione, veniva coinvolto in prima persona attraverso compiti quotidiani da svolgere come e quando preferivi, nel tempo libero o 24 ore su 24. Selezionato lo stato in cui si preferiva operare ti venivano assegnati i numeri di telefono da chiamare, zona per zona, per partecipare attivamente alla campagna stessa. Per coordinare tutte le attività di social networking dell’intera campagna Obama ha scelto Chris Hughes, co-fondatore di Facebook, il quale ha compiuto 25 anni lo scorso Novembre.
Questi sono solo alcuni dei tanti strumenti che Obama ha messo a disposizione dei suoi elettori. Gli strumenti esistevano tutti in rete, Obama non ha inventato niente di nuovo. Ha costruito, insieme ai suoi elettori e fans, un’arma che si è dimostrata potente e vincente. I milioni di utenti della rete, mentre in Italia vengono visti come un ostacolo o qualcosa di non definito che appartiene ad un mondo virtuale, Obama ha saputo trasformarli in pedine del proprio esercito.

Concludo ribadendo che tutto ciò sarebbe stato vano se ogni mossa non fosse stata costruita sulle solide basi dei principi fondamentali della rete. Per questo motivo credo che la classe politica italiana, prima di chiedersi come poter sfruttare Internet, è bene che si chieda se Internet è disposta ad accettarli.

“We Have a Lot of Work to Do”

2 pensieri su “Obama e Internet

  1. Pingback: Google in tribunale per il video del ragazzo down di Torino | Consulente web (m4ss.net)

  2. Pingback: Elezioni europee a Reggio Emilia: De Magistris batte Motti! | Consulente web (m4ss.net)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *